Pubblicato in: Mostre

Mostre 2022 a Roma: da Guido Reni a Picasso, le mostre della primavera

mostre-roma-2022-min
Ph Alberto Novelli © Galleria Borghese

La primavera è appena iniziata e le mostre a Roma cominciano a fiorire! Il 2022 sarà ricchissimo di appuntamenti dedicati all’arte, tra contemporaneo e Rinascimento, fino all’arte antica e ai grandi nomi della storia italiana e internazionale. Scopriamo cosa andare a vedere in primavera a Roma con il nostro #spiegonemostre!

Galleria Borghese

Guido Reni a Roma. Il sacro e la natura (fino al al 22 maggio 2022)

Con Guido Reni a Roma. Il Sacro e la Natura – a cura di Francesca Cappelletti – dal 1 marzo al 22 maggio 2022 la Galleria Borghese inaugura, a più di trent’anni dall’ultima grande esposizione italiana, la prima di una serie di mostre internazionali dedicate al Maestro del Seicento italiano.

Centrale Montemartini

Colori dei Romani. Mosaici dalle Collezioni capitoline (fino al 15 giugno 2022)

Mosaici dalle Collezioni capitoline, promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, che presenta al pubblico un’ampia selezione di mosaici, capolavori delle collezioni capitoline poco conosciuti al grande pubblico: un evento importante per raccontare, attraverso la trama colorata di queste opere, brani di storia della città di Roma, illustrando nel modo più completo i contesti originari di rinvenimento.

Palazzo Bonaparte

Bill Viola. Icons of light (fino al 26 giugno 2022)

BILL VIOLA. Icons of light è il titolo della prossima mostra di Palazzo Bonaparte che, a partire dal 5 marzo 2022, renderà omaggio al più grande artista della video-arte dagli anni 70 a oggi: BILL VIOLA.

Chiostro del Bramante di Roma

CRAZY. La follia nell’arte contemporanea (fino all’8 gennaio 2023)

21 artisti di rilievo internazionale, oltre 11 installazioni site-specific pensate e realizzate appositamente per CRAZY: per la prima volta le opere d’arte invadono non solo gli spazi interni ma anche gli spazi esterni del Chiostro del Bramante di Roma, perché la follia non può avere limiti.

MACRO – Museo di Arte Contemporanea

Nicolás Guagnini. Farces and Tirades (fino al 22 maggio 2022)

In Farces and Tirades, sua prima personale presso un’istituzione italiana, Nicolás Guagnini presenta più di quindici anni di lavoro in una mostra liberamente ispirata alla struttura drammaturgica della commedia dell’arte. Le opere sono le “maschere”, lo spazio espositivo il palcoscenico dove queste improvvisano le loro “farse e paternali”. Non vi è un unico tema, né una divisione cronologica o gerarchica. Seguendo un semplice canovaccio, la mostra si divide in due atti – il primo andrà in scena dal 10 febbraio, il secondo dal 14 aprile 2022 – in cui le opere-personaggi entrano ed escono, si scambiano, mutano le posizioni, i rapporti, gli atteggiamenti.

Remoria (fino al 22 maggio 2022)

Remoria non esiste e non è mai esistita, è un’entità residuale di Roma, quella parte del mito di fondazione che, a causa dell’uccisione di Remo da parte del fratello Romolo, continua ad aleggiare nel passato e nel presente della città. Il Grande Raccordo Anulare, l’autostrada tangenziale che circonda Roma, conosciuta come GRA, è ciò che la riporta in vita. Sovvertendo il comune concetto di centro, questo anello tratteggia uno spazio aperto su cui nel secondo dopoguerra orbitano le borgate come Centocelle, Ostia, San Basilio, Laurentino. L’arcipelago della periferia dominante (che occupa il 99% della superficie della città) trasforma il marginale in uno spazio di leggende, riti e aneddoti.

Presto!? Four Musical Procedures (fino al 12 giugno 2022)

Four Musical Procedures è una mostra dedicata a Presto!?, etichetta sperimentale caratterizzata da una ricerca che si muove al di fuori delle regole discografiche in un intenso dialogo con l’arte contemporanea e il design.

Baloon Museum (fino al 1° maggio 2022)

Balloon Museum è un progetto installativo ideato, progettato e promosso con lo scopo di portare un’invasione gonfiabile negli spazi più suggestivi delle città che lo ospitano. Per l’edizione 2021 è stata scelta Roma e più precisamente un ex deposito Atac rigenerato per per lo scopo. Il visitatore entrerà in una vera e propria cittadella della balloon & inflatable art, tra gigantesche opere site specific, installazioni ad alto tasso di interattività, shop e ristorazione a tema. Balloon Museum sarà il luogo in cui il palloncino, simbolo di infanzia, leggerezza e allegria, incontrerà l’arte.

Accademia di Francia a Roma – Villa Medici

Gribouillage / Scarabocchio. Da Leonardo da Vinci a Cy Twombly (fino al 22 maggio 2022)

Fino al 22 maggio 2022 l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici presenta in anteprima la mostra-evento Gribouillage / Scarabocchio. Da Leonardo da Vinci a Cy Twombly concepita dalle due curatrici Francesca Alberti (Villa Medici) e Diane Bodart(Columbia University), con la collaborazione di Philippe-Alain Michaud, in qualità di curatore associato (Centre Pompidou).

MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo

Scarpa/Olivetti. Brani di una storia condivisa (fino al 29 maggio 2022)

La mostra Scarpa/Olivetti. Brani di una storia condivisa racconta lo straordinario ventennio di collaborazione tra Carlo Scarpa e Adriano Olivetti e, più in generale, con l’azienda di Ivrea.

Il Margutta Vegetarian food & art

Michele Telari. Roma vs New York (fino al 15 maggio 2022)

Roma e New York nelle atmosfere romantiche e malinconiche di Rainman, all’anagrafe Michele Telari. I suoi dipinti immortalano due città iconiche, tanto contrastanti quanto vicine. Si potranno ammirare da giovedì 3 marzo, vernissage contingentato dalle ore 19 alle 21, sino a domenica 15 maggio, con l’esposizione “Roma vs New York”, ideata e organizzata da Michele Telari e Tina Vannini, curata da Francesca Barbi Marinetti, ospitata presso il ristorante Il Margutta Veggy Food & Art, in via Margutta 118 a Roma. Circa venti i dipinti presenti, con tecniche e formati differenti. 

Atelier Montez

Be**pArt – la mostra collettiva d’arte più grande di sempre (fino al 31 dicembre 2022)

Già esposte le prime 30mila opere inedite prodotte da 1000 artisti in smartworking durante la pandemia covid-19. E la collezione in mostra continuerà a crescere giorno per giorno, almeno finché non sarà decretata ufficialmente la fine della situazione di emergenza sanitaria, con l’obiettivo di segnare un nuovo record mondiale per “la mostra collettiva d’arte più grande di tutti i tempi” nell’anno 2022. Tutte le opere sono esposte in un unico spazio espositivo, quello dell’Atelier Montez, che in questi mesi si è trasformato in un vero e proprio polo internazionale per l’arte contemporanea.

Istituto Giapponese di Cultura in Roma

Kyoto e le quattro stagioni. Fotografie di Mizuno Katsuhiko (fino al 6 maggio)

Quaranta fotografie di Mizuno Katsuhiko presentano i maggiori giardini di Kyoto nelle quattro stagioni, topos imprescindibile per letteratura e iconografia del Giappone di tutti i tempi. Durante le epoche Nara (710 – 794) e Heian (794 – 1185) prende forma lo stile architettonico shindenzukuri che dà vita a imponenti giardini con laghetto di cui godere in barca, come lo shinsen’en. Nello stesso periodo, fra gli aristocratici di corte, si diffonde la pratica di ospitare banchetti e libagioni dentro giardini con sinuosi torrenti artificiali, detti kyokusuien.

Mattatoio

Teresa Margolles. Periferia dell’agonia (fino al 19 giugno 2022)

Teresa Margolles (Culiacán, Sinaloa, Messico, 1963) è un’artista visiva che esamina le cause e le conseguenze sociali della morte attraverso opere d’arte che si concentrano sui temi della violenza, del genere e dell’alienazione.

Musei Capitolini

Visea (fino al 31 dicembre 2022)

A partire dal 15 dicembre 2021 il ciclo pittorico murale eseguito dal pittore Tommaso Laureti nella Sala dei Capitani del Palazzo dei Conservatori dei Musei Capitolini prende vita attraverso un’applicazione multimediale innovativa che permette di ripercorrerne l’intero processo esecutivo. Il progetto, nato nell’ambito del Bando POR/FESR 2014-2020 Regione Lazio “L’impresa fa cultura” 2019 e promosso da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è stato ideato dal team CBC Conservazione Beni Culturali Soc. Coop. – Nergal Consulting Srl – Xtrust Srl, in collaborazione con i Musei Capitolini selezionati quale “Luogo della Cultura”. Servizi museali Zètema Progetto Cultura.

Galleria del Laocoonte

La Commedia dell’Arte. Maschere e Carnevale nell’Arte Italiana del Novecento (fino al 30 maggio 2022)

Negli antichi trattati di iconografia, la personificazione della pittura porta spesso una maschera appesa al collo, perché essa imita la natura così come l’attore mascherato il personaggio che egli interpreta. Alla maschera, come simbolo della pittura, la Galleria del Laocoonte dedica una mostra di dipinti, disegni e sculture del ‘900, dove essa è il soggetto rappresentato: sia l’enigmatico oggetto maschera, inanimato soggetto di nature morte futuriste o metafisiche, sia la maschera indossata dall’attore che dà vita e voce ai personaggi della tradizionale commedia dell’arte italiana, tante volte celebrata dall’arte moderna, non solo in Italia. 

z2o project

Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli (fino al 9 aprile 2022)

La mostra Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli propone un’immersione nel mondo pittorico dell’artista romano seguendo due dimensioni del pensiero che egli mise a fuoco a partire dai primi anni Ottanta e sulle quali lavorò per molto tempo, il bosco e il giardino, misterioso e simbolico il primo, razionale e progettabile il secondo.

Matèria

Giulia Marchi. Una pietra sopra (fino al 23 aprile 2022)

Matèria è lieta di presentare Una pietra sopra, la seconda personale di Giulia Marchi in galleria e la prima nella nuova sede. La mostra è accompagnata da un testo del critico e storico della letteratura Andrea Cortellessa. 

rhinoceros gallery

Pablo Picasso. Giovane Donna, 1909 (fino al 15 maggio 2022)

A partire dal 15 febbraio 2022, il dipinto viene presentato al pubblico presso gli spazi espositivi di rhinoceros gallery all’interno di Palazzo rhinoceros, il polo culturale affacciato sull’Arco di Giano e progettato da Jean Nouvel, cuore delle sperimentazioni artistiche e culturali della Fondazione Alda Fendi – Esperimenti.

WeGil

Alberto di Lenardo. Lo sguardo inedito di un grande fotografo (fino all’8 maggio 2022)

Il WeGil di Roma, hub culturale della Regione Lazio nel quartiere Trastevere, ospita “Alberto di Lenardo. Lo sguardo inedito di un grande fotografo”. La mostra, presentata l’11 febbraio, è dedicata a un autore del secondo Novecento rimasto letteralmente nascosto in soffitta e il cui lavoro viene proposto per la prima volta al pubblico in questa esposizione inedita ed emozionante.

Museo di Roma in Trastevere

Prima, donna. Margaret Bourke-White (fino al 30 aprile 2022)

Sarà dedicata a Margaret Bourke-White, una tra le figure più rappresentative ed emblematiche del fotogiornalismo, la mostra Prima, donna. Margaret Bourke-White, ospitata al Museo di Roma in Trastevere.

Museo dell’Ara Pacis

Alberto Biasi. Tuffo nell’arcobaleno (fino al 30 aprile 2022)

La mostra Alberto Biasi. Tuffo nell’arcobaleno, promossa e prodotta da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e Il Cigno GG Edizioni con la collaborazione dell’Archivio Alberto Biasi e organizzata da Il Cigno GG Edizioni con Villaggio Globale International, con il supporto organizzativo di Zètema Progetto Cultura e il supporto di Studio d’Arte GR, porta a Roma – dal 13 ottobre 2021 al 20 febbraio 2022 – un’antologia della produzione del grande Maestro, tra gli indiscussi protagonisti dell’arte del Secondo Dopoguerra in Italia.

Palazzo Sforza-Cesarini

Pablo Echaurren. Ritmo Barocco (fino al 31 agosto 2022)

La mostra Ritmo barocco, progetto artistico di Pablo Echaurren, genio eclettico di fama mondiale, artista a tutto campo abituato ad esprimersi attraverso pittura, ceramica, illustrazione, fumetto, scrittura, musica e video e quest’anno artista ospite della 239esima edizione della Tradizionale Infiorata, evento-simbolo di Genzano di Roma.

Articolo scritto in collaborazione con Viktoriya Kuzmenko

Etichette: