Pubblicato in: Evergreen

Gennaio di fuoco per mister Mou: calciomercato movimentato

News Partner 4 settimane fa
roma-stadio-calciomercato-min

Gennaio, per il club capitolino, è storicamente un mese complicato. In questo periodo dell’anno spesso la Roma ha faticato a riprendere il ritmo e ha lasciato punti preziosi lungo il cammino. Questa volta, anche grazie alla mentalità di Josè Mourinho, c’è voglia di partire con il piede giusto sin da subito. La qualificazione in Champions dista solo 3 punti e secondo i pronostici del giorno di topscommessevincenti.it, risulta fattibile.

In questo mese, il calendario di serie A metterà a dura prova le ambizioni dei giallorossi, servendo scontri diretti decisivi come quello a San Siro contro i campioni in carica del Milan, la sfida casalinga contro la Fiorentina e la complicatissima sfida al Diego Armando Maradona contro gli attuali capolista del Napoli. I giallorossi avranno bisogno di alcuni rinforzi per puntellare la rosa, ma per potersi permettere degli innesti devono prima sfoltire la rosa.

Calciomercato Roma: gli obiettivi in entrata

Il primo colpo in casa giallorossa è già arrivato ed è Ola Solbakken. Il norvegese è arrivato a parametro 0 dal Bodo Glimt e dal primo gennaio si è messo a disposizione di Mou.

Il reparto più bisognoso in casa Roma è senza dubbio il centrocampo, ma il General Manager portoghese Tiago Pinto sarebbe pronto ad approfittare di qualche occasione anche in altri reparti.

L’obiettivo principale rimane sempre lo stesso: Davide Frattesi. Il centrocampista del Sassuolo vuole tornare a rivestire la maglia giallorossa e Mourinho lo vuole il prima possibile per le sue caratteristiche da recupera palloni che mancano al centrocampo romanista.

Il problema, come lo è stato anche quest’estate, sono le pretese del Sassuolo. Il club emiliano spara alto perchè vuole evitare di perdere uno dei suoi gioielli più preziosi a poco prezzo. La Roma gode di uno sconto del 30% grazie ad una clausola inserita quando è stata formalizzata la cessione dalla Roma al club neroverde. Paradossalmente, questo “sconto” si sta rivelando un’arma contro il club capitolino che sta facendo alzare il prezzo del giovane centrocampista.

Qualora non dovesse concretizzarsi la pista Frattesi, la Roma sembra pronta a virare su altri obiettivi, come ad esempio Sasha Lukic e Houssem Aouar, ma c’è anche un sogno nel cassetto: Rodrigo De Paul.

Il centrocampista Granata è in scadenza nel 2024 ma il presidente del Torino Cairo spara alto e pretende almeno 15 milioni per la partenza di Lukic. Il franco-algerino Aouar è in scadenza nel 2023 ma il Lione non sembra interessato concedere alcuno sconto e la Roma non vuole rischiare di strapagare un giocatore che a giugno potrebbe arrivare gratis. De Paul, seppur nell’Atletico Madrid non sembri trovare molto spazio, è pur sempre un giocatore che ha vinto la coppa del mondo da protagonista con l’Argentina e il suo cartellino ha una valutazione molto alta. Operazione difficile visti i bilanci negativi dei capitolini.

In difesa si cerca un rinforzo sulla fascia destra e il nome più in auge è quello di Alvaro Odriozola. In attacco gli slot sono tutti occupati e arriverà un giocatore solo nel caso in cui si dovesse presentare un’occasione davvero conveniente. Qualche rumor ha accostato Memphis Depay alla Roma che non riesce a esprimere il massimo del suo potenziale a Barcellona e avrebbe bisogno di una piazza calda in grado di rilanciarlo. Il problema qui è l’ingaggio dell’olandese che in questo momento risulta insostenibile per le casse dei giallorossi.

Calciomercato Roma: chi è in uscita?

Il primo indiziato a lasciare Trigoria e Rick Karsdorp. Il terzino olandese sembra aver rotto definitivamente i rapporti con Mourinho seppur pare ci sia stata una riapertura da parte di entrambi nella tournée giapponese. Un altro giocatore che ha trovato pochissimo minutaggio è Eldor Shomurodov e sembra in procinto di partire. La Roma lo ha pagato 18 milioni e vorrebbe ricavarne almeno 10. L’Uzbeko piace al Toro ma lo vorrebbe solo in prestito. Al Torino piace anche Marash Kumbulla che è molto apprezzato da Juric sin dai tempi di Verona.