Pubblicato in: Mostre News

Real Bodies torna con cuore di balena e dedica a Leonardo: le novità 2018

News PartnerNews Partner 1 anno fa
real-bodies-vitruviano-min-roma

Svelare i segreti dell’anatomia umana a fianco di quella animale: è una delle promesse più importanti della nuova edizione “Real Bodies, oltre il corpo umano” allo Spazio Ventura di Milano (facilmente raggiungibile dalla metropolitana verde M2 e stazione ferroviaria di Lambrate) la stessa location in cui nel 2016 la mostra registrò oltre 280.000 presenze.

L’expo internazionale dell’anatomia  – organizzata da Venice Exhibition – aprirà il 6 ottobre 2018, accogliendo per l’occasione oltre 500 corpi e organi umani conservati con la tecnica della plastinazione, ma anche una sezione di anatomia comparata, che mostrerà cuori e cervelli di circa 30 specie animali, in ordine crescente per dimensione. La mostra sarà aperta da mercoledì a domenica con orario continuato 10-19 (chiusura ora 20).

Numeri, orari e date di Real Bodies 2018

Tra i reperti più suggestivi senza dubbio un cuore di balena, per l’esattezza di una megattera, largo un metro e capace di pompare fino a 220 litri di sangue lungo i 15 metri dell’animale, pur con una frequenza di soli 10-30 battiti al minuto: è tra i muscoli cardiaci più grandi del pianeta. Tra le curiosità scientifiche da scoprire, il primato del rapporto più elevato tra cuore e peso corporeo (0,8%). Sapete già a chi appartiene? Ve lo diciamo in anteprima: al cane, da sempre il miglior amico dell’uomo.

Real Bodies: il comitato scientifico

Di altissimo profilo le collaborazioni individuate dalla produzione dell’evento: dall’anatomopatologo forense Antonello Cirnelli, il curatore della mostra, al professore emerito di anatomia e biologia cellulare Roy Glover (Università del Michigan, Stati Uniti) al dottor Alex Pontini specialista in chirurgia plastica, estetica e ricostruttiva, fino al generale Luciano Garofano, ex comandante del RIS di Parma.

Audioguide per età, sport e chirurgia di frontiera

Audioguide differenziate nei contenuti per fasce d’età condurranno i visitatori alla scoperta del corpo umano accompagnandoli in un viaggio all’interno dell’atlante tridimensionale dei vari apparati corporei, alle sezioni dedicate alla biomeccanica, all’aspirazione verso l’immortalità dalla mummificazione ai giorni nostri. E ancora: le ultime frontiere della chirurgia ricostruttiva, anche a favore della disabilità, l’impiego dell’informatica in campo medico, e le campagne sulla prevenzione delle malattie, sulla lotta alle dipendenze e il benessere fisico attraverso lo sport.

Colossale la nuova scenografia di Real Bodies: arriverà a Milano in 18 container con oltre 200 vetrine e otto chilometri di teli scenici, il tutto illuminato da 2260 fari da teatro e oltre 10 chilometri di cavi elettrici, fissati su una struttura portante lunga oltre 1000 metri.

real-bodies-vitruviano-minEsoscheletri e biomeccanica tra curiosità e divulgazione

“Il viaggio oltre il corpo umano partirà da una sensazionale area espositiva dedicata al Cinquecentenario dalla morte di Leonardo Da Vinci allestita con 30 installazioni storico-artistiche di veri reperti umani plastinati riproducenti i suoi bozzetti anatomici contenuti nel Codice Windsor” anticipa il curatore della mostra, il medico legale Antonello Cirnelli – “per esplorare le avanguardie della biomeccanica con le più avanzate realizzazioni protesiche sconfinando nella progettazione di esoscheletri. Sarà un’edizione dai grandi contenuti didattico-scientifici studiata appositamente per le scuole di ogni ordine e grado, ma anche educativa per tutti i tipi di pubblico, grazie agli approfondimenti ed alle campagne di dono realizzati in collaborazione con associazioni Onlus e fondazioni famose a livello nazionale nelle varie sezioni che sveleranno i segreti e gli studi più avanzati sugli apparati del corpo umano”.

Real Bodies Milano: 10 motivi per vedere la mostra sul corpo umano

A cura di Italia Weekend adv