Pubblicato in: News

Giornata della Memoria 2018: tutte le iniziative in programma

giornata della memoria roma
Pietre d'inciampo al Ghetto di Roma. Fonte: wikimedia

Il 27 gennaio 1945, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, ha fatto conoscere al mondo e alla storia questo abisso della civiltà, lo sterminio del popolo ebraico, dei Sinti e Rom, degli omosessuali, dei Testimoni di Geova e l’eliminazione dei deportati militari e politici nei campi nazisti.

A Roma saranno tanti gli eventi commemorativi, come ogni anno, per ricordare in che modo l’Olocausto e le sue conseguenze hanno condizionato la nostra storia e quella di milioni di persone in tutto il mondo.

Come di consueto, gli eventi non si limiteranno alla giornata del 27 gennaio, ma si snoderanno lungo tutto la settimana, fino al 31 gennaio.

Da Auschwitz al mondo: Il Servizio della Memoria in Italia

23 gennaio

Da quando nel 1992 il primo giovane austriaco ha assunto il suo Servizio della Memoria nel Museo Statale Auschwitz-Birkenau, circa 2000 austriaci hanno prestato il loro Servizio civile in tante istituzioni culturali in tutto il mondo.

Al centro di questo evento, organizzato dal Forum Austriaco di Cultura di Roma, è stato messo il “Servizio della Memoria” in Italia come parte della memoria collettiva, nonché i fatti oggettivi che hanno reso necessario il “Servizio della Memoria”. Durante il dibattito si parlerà del ruolo della memoria nella gestione dell’eredità delle dittature totalitarie nel presente e nel futuro.

Indirizzo: Forum Austriaco di Cultura, viale Bruno Buozzi 113

Orario: 20

Lo Sguardo Oltre il Fango

Teatro di Villa Torlonia, 24-26 gennaio

Lo sguardo oltre il fango, liberamente ispirato a “Il bambino con il pigiama a righe”,nel 2017 ha registrato  grande successo di critica e di pubblico a Roma, con tutte le date sold-out al Sala Uno Teatro (Piazza San Giovanni in Laterano). È stato inoltre presentato in Umbria, con la data evento a Passignano sul Trasimeno, e in Puglia, con due spettacoli  al Teatro Forma di Bari.

Il 16 ottobre scorso è andato in scena per la prima matinée nazionale all’Istituto Magistrale Statale Giordano Bruno di Roma presente la dottoressa Sandra Terracina, presidente del Progetto Memoria.

Lo spettacolo torna in scena nella settimana della ricorrenza del Giorno della Memoria presso il prestigioso Teatro di Villa Torlonia – Teatro di Roma, Teatro Nazionale direttore Antonio Calbi, dal 24 al 26 gennaio, con il Patrocinio dell’Assessorato alla Crescita Culturale di Roma Capitale e, per la serata della prima, con il patrocinio della Camera dei Deputati.

Indirizzo: via Lazzaro Spallanzani

Orario: ore 20

Prezzi: 10,00 euro

Presentazione del libro “Ridere rende liberi”

26 gennaio

Per celebrare il Giorno della Memoria la Biblioteca Europea, in collaborazione con il Goethe-Institut di Roma, organizza la presentazione del libro “Ridere rende liberi. Comici nei campi nazisti”di Antonella Ottai, edito da Quodlibet nel 2016.

Una ricerca condotta sulle sorti di alcuni comici ai quali si deve, negli anni Trenta, la grandezza leggendaria del cabaret e dello spettacolo leggero mitteleuropeo, in particolare di quello berlinese. Il loro personale percorso diventa l’occasione per interrogarsi sui poteri e sulla forza d’urto del riso, per riflettere sul senso del comico nel cuore del dolore.

Intervengono Antonella Ottai e Paola Quarenghi (Sapienza Università di Roma), modera Giandonato Caggiano, (Università degli Studi Roma Tre).

Indirizzo: Biblioteca Europea Roma

Orario: ore 18

Settimana della Memoria alla Casa della Memoria e della Storia

22 gennaio – 31 gennaio 2018

Anche quest’anno la Casa della Memoria e della Storia conferma il suo ruolo di primo piano a Roma per le celebrazioni intorno al “Giorno della Memoria”, il 27 gennaio, istituito nel 2000 dal Parlamento Italiano.

Il programma delle attività si svolgerà dal 22 al 31 gennaio 2018 con proiezioni di film, documentari, testimonianze, conferenze, letture, presentazioni di libri e una mostra con il prezioso e significativo apporto delle Associazioni residenti (ANPI, ANED, ANEI, ANPC, ANPPIA, FIAP, IRSIFAR e Circolo G. Bosio) e delle Biblioteche di Roma.

Lunedì 22 gennaio alle ore 10 sono previsti un incontro con gli studenti dedicato alle case di vita, le abitazioni in cui trovarono rifugio gli ebrei scampati all’occupazione nazista e la mostra Georges de Canino – La notte è scura. Collage contro il terrore 1978 -1983, alle 17.30, sui temi della resistenza, dell’antifascismo e il totale rifiuto del terrorismo.

Martedì 23 gennaio alle ore 10 ci sarà un seminario su leggi razziali e sport e la proiezione del film “Nebbia in agosto” di Kai Wessel alle ore 17, che affronta il terribile argomento delle teorie eugenetiche sostenute da Hitler.

Mercoledì 24 gennaio alle ore 10 si racconta la storia poco conosciuta del rastrellamento a Roma di 2500 carabinieri della Caserma allievi che, nell’ottobre del 1943, si rifiutarono di collaborare con gli occupanti tedeschi dando vita ad una Resistenza non armata. Nel pomeriggio, alle 17.45, ci sarà la presentazione del libro “La scoperta dell’Italia. Il fascismo nelle radiocronache americane” di Mauro Canali.

Un istruttivo e terribile atlante delle stragi nazifasciste, giovedì 25 gennaio alle ore 10, illustra con dovizia di dati e materiali gli oltre 5.000 episodi accaduti in Italia e, nel pomeriggio, alle 17, il volume di Elisa Guida “La strada di casa. Il ritorno in Italia dei sopravvissuti alla Shoah” narra una delle più tragiche esperienze del Novecento.

Venerdì 26 gennaio, alle ore 10, ci sarà la proiezione di “Radio CoRa”, il film-documentario sulla storia di una radiotrasmittente che nella Firenze del 1944 tiene in scacco polizia tedesca e fascista.

Nel pomeriggio, alle 17, si terrà la presentazione del volume “Pop Shoah? Immaginari del genocidio ebraico” sui pericoli della trasformazione della Shoah in “merce di consumo”, esposta a ricostruzioni di circostanza, ma anche a manipolazioni e negazioni.

Sabato 27 e domenica 28 gennaio il progetto “In memoriam”, a cura di Mario Sesti, propone film di grandi autori, a partire dalle 18.

Da Elia Kazan a Joshua Oppenheimer, da Atom Egoyan a Patricio Guzman e un documentario italiano di Daniele Cini, premiato con un Globo D’Oro, sul terrorismo di stato argentino per ricordare, attraverso il cinema, ogni vittima e ogni sopruso.

Lunedì 29 gennaio alle 10 verranno presentati due volumi: “Il mistero della buccia d’arancia” di Lia Tagliacozzo alle 10 e “Quei piccoli grandi eroi che salvarono i libri” di David Fishman alle 17.

Martedì 30 gennaio si discute in parallelo dei “Giusti di ieri e Giusti di oggi”, alle 10 del mattino.

Si riallaccia a quest’ultimo argomento la giornata conclusiva della settimana, mercoledì 31 gennaio, con la proiezione del film-documentario “ll giudice dei Giusti” di Emanuela Ardisio e Gabriele Nissim alle ore 10. Il film ripercorre la storia dell’ebreo polacco, Moshe Bejski, che al ritrovamento dei “giusti” di ogni dove ha dedicato la propria vita.

Alle 17, proiezione del film “Nel ventre nero della storia” di Luigi Monaldo Faccini con Marina Piperno. Il film racconta la storia della famiglia di Marina Piperno, una famiglia ebrea romana nella tragedia della persecuzione scatenata dalla leggi razziali.

I luoghi della Memoria al Museo MAXXI

26 gennaio

Alle 11 al MAXXI si terrà la prima delle iniziative organizzate dal Municipio II in occasione della “Giornata della Memoria” con la partecipazione della Comunità Ebraica.

La manifestazione dal titolo “I luoghi della memoria” è il momento conclusivo di un progetto, promosso nella scuola secondaria di I grado “Vittorio Alfieri”, che ha unito la dimensione geografica a quella storico-culturale attraverso il linguaggio teatrale.

Partendo dai luoghi della memoria di Roma – il Portico d’Ottavia, la Sinagoga, il Collegio Militare, la Stazione Tiburtina – i ragazzi hanno raccolto materiali, testimonianze, documenti storici, personali riflessioni e racconti dei loro nonni o di conoscenti che sono stati testimoni di quegli anni per raccontare uno dei capitoli più bui della nostra storia recente.

Obiettivo del progetto è infatti quello di sollecitare riflessioni ed emozioni nei ragazzi, che spesso poco sanno di quegli anni segnati dalle persecuzioni razziali e ricordare, insieme, il Giorno della Memoria.

Un viaggio poetico in cui i ragazzi “donano la propria voce” a coloro che hanno subito le persecuzioni naziste. Lettura-spettacolo realizzata dagli allievi delle classi terze della scuola secondaria di I grado “Vittorio Alfieri” di Roma, a cura dell’associazione culturale Crea, diretta da Simonetta De Nichilo.

Indirizzo: via Guido Reni 4°

Orario: ore 11

Memoria Genera Futuro

27 gennaio

Presso l‘Opificio Romaeuropa si terrà una conferenza a ingresso gratuito dal titolo “1938-2018: 80 anni delle leggi razziste: Italiani brava gente? Persecuzioni e deportazioni degli ebrei in Libia”.

Incontro a cura di Claudia Fellus, vicepresidente della Comunità Ebraica di Roma con la partecipazione del prof. Alessandro Volterra, associato di Storia e Istituzioni dell’Africa Dip. di Scienze politiche dell’Università di Roma Tre.

Durante la conferenza saranno proiettati contributi audiovisivi della Banca della Memoria Ebraica del Centro Culturale della Comunità Ebraica di Roma.

Indirizzo: via dei Magazzini Generali 20

Orario: ore 18

Proiezione de Alla ricerca delle radici del male al MAXXI

28 gennaio

Al Museo MAXXI ci sarà la proiezione di un film documentario che racconta il viaggio nei luoghi simbolo della dolorosa memoria del Novecento. Dal campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau al campo di concentramento di Plazow, dalla pace del bosco di Niepolomice, in Polonia, al “Binario 21” di Milano, da cui partiva il treno dei deportati alle Fosse Ardeatine a Roma, simbolo della Resistenza al nazi-fascismo.

Le storie di donne e di uomini che hanno subito il male più atroce, assoluto, sono raccontate da figli e nipoti, vittime anch’essi del dolore. Nel film i discendenti della Shoah si incontrano per la prima volta davanti alla macchina da presa con i discendenti dei nazisti, per parlarsi e raccontarsi.

La proiezione è preceduta da interventi istituzionali e dalle testimonianze del produttore e del regista.

Indirizzo: via Guido Reni 4°

Orario: ore 17

Presentazione del libro La Shoah e il giorno della memoria

30 gennaio

La Shoah e il giorno della memoria di Lia Tagliacozzo (Einaudi Ragazzi) viene presentato alle 11 alla Feltrinelli di via Appia nuova. In tv mostrano persone magre vestite di stracci; si parla di Shoah, di Giorno della Memoria.

Giacomo e i suoi amici vogliono saperne di più. Classi consigliate: dalla terza elementare. Per prenotazioni: eventi.roma1@lafeltrinelli.it.

Indirizzo: via Appia nuova, 427

Orario: ore 11

Anteprima del film “Davanti ai tuoi occhi” di Walter Veltroni

22 gennaio

Lunedì 22 gennaio, all’Auditorium di Roma, anteprima del documentario Tutto davanti a questi occhi, prodotto da Sky e Palomar, su Sami Modiano, sopravvissuto a Birkenau. Presente il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha appena nominato senatrice a vita Liliana Segre, arrivata ad Auschwitz a 13 anni.

Il documentario, realizzato e diretto da Walter Veltroni, andrà in onda in contemporanea, ed è la prima volta che succede, sabato 27 gennaio su Sky, Rai, Mediaset e LA7.

Indirizzo: viale Pietro de Coubertin, 30

Orario: 21

Che non abbiano fine mai, la Memoria ebraica fra musica e racconti

31 gennaio

È possibile oggi rendere i giovani testimoni di un passato oscuro, dando vita a sentimenti di un’umanità dinamica e coraggiosa? Si può e si deve secondo il regista, fantasista e musicista israeliano Eyal Lerner che con il suo “Progetto Memoria” lancia questa sfida, ricercando nell’arte e nella didattica quella speciale relazione fra lo spettatore e il palcoscenico, in particolare coinvolgendo studenti e docenti in un percorso in continua evoluzione.

Il suo spettacolo “Che non abbiano fine mai … la Memoria ebraica fra musica e racconti”, ospitato presso il Teatro di Villa Torlonia martedì 31 gennaio ore 19.30, è uno straordinario racconto fra immagini, musica e partiture gestuali, in una narrazione reale e poetica allo stesso tempo che collega la memoria ebraica ai suoni e alle narrazioni.

Lo spettacolo pone domande sulla Seconda Guerra Mondiale, apre uno squarcio intimo sulla tragedia della Shoah, torna alla storia e alla cultura ebraica come “luoghi” dai quali osservare l’umanità. Attraverso la storia e l’arte è possibile scoprire i sentimenti più autentici, quelli di solidarietà e compassione, e creare relazioni profonde, capaci di rafforzare la propria individualità.

Lo spettacolo è anche un lavoro scenico che evidenzia le eclettiche esperienze didattiche e artistiche di Eyal Lerner, musicista nato e formatosi in Israele, residente in Italia dal 1995

Indirizzo: via Lazzaro Spallanzani 1

Orario: ore 19.30

Etichette:
Offerta Libraccio 2018

Non perderti un evento a Roma!

Ricevi solo eventi utili grazie alla nostra Newsletter

Aggiungiti alla community!