Pubblicato in: Evergreen

Piazza e Palazzo del Quirinale a Roma: storia e cosa vedere

Donatella ErreDonatella Erre 2 settimane fa
Piazza Palazzo del Quirinale

A poca distanza dalla bellissima e nota Fontana di Trevi a Roma si trova uno dei sette colli dell’antica Roma, il Quirinale. Sopra di esso sorgono diverse chiese ricche d’arte grazie al Bernini e a Francesco Borromini. Ma soprattutto sul colle si trova il Palazzo del Quirinale, che oggi ospita la sede del Presidente della Repubblica.

Piazza del Quirinale a Roma: cosa vedere

Arrivare in piazza del Quirinale vuol dire trovarsi nel punto più alto del colle romano. Questo è sicuramente un ottimo luogo da cui osservare la Città Eterna dall’alto, soprattutto è l’ideale per poter ammirare un bel tramonto.

Giunti in piazza ci si trova subito davanti uno dei tanti obelischi romani, ovvero uno dei 13 in totale. Questo in particolare proviene dal Mausoleo di Augusto, che venne posizionato al centro di piazza del Quirinale nel 1786.

Ai lati dell’obelisco si trovano le statue dei Dioscuri, Castore e Polluce, intenti a tenere le redini di cavalli imbizzarriti. Queste ultime, che in origine si trovavano alle Terme di Costantino, furono posizionate qui nel XVI secolo per volere di papa Sisto V.

In piazza si trovano anche le Scuderie Papali del Quirinale. La loro costruzione richiese un decennio di lavori che andarono dal 1722 al 1732 e poggiano sui resti del tempio romano di Serapide, ancora oggi in parte visibile. Per lungo tempo hanno mantenuto la loro funzione originale di rimessa per carrozze e cavalli. Fu solo nel 1997 che questo spazio venne adibito a polo museale <, funzione che ricopre anche oggi ospitando alcune tra le mostre più importanti di Roma.

Se avete intenzione di visitare piazza del Quirinale, cercate di farlo la domenica, alle 18 in estate e alle 16 in inverno, per assistere alla marcia del cambio della guardia davanti a Palazzo Quirinale.

piazza-del-quirinale

Palazzo del Quirinale a Roma

Il Palazzo del Quirinale è stato sin dalle sue origini un luogo importante per la città di Roma e non solo. Inizialmente Gregorio XIII, che fu eletto papa nel 1572, scelse questo luogo per costruire la residenza estiva papale. Dal 1870 divenne poi il palazzo dei re d’Italia, mentre oggi è la residenza del Presidente della Repubblica.

Fu però papa Paolo V Borghese nei primi anni del Seicento a realizzare il palazzo secondo il suo aspetto attuale. Dapprima si occupò dei lavori l’architetto Flaminio Ponzio, che realizzò lo scalone d’onore, il salone delle feste e la cappellina dell’Annunziata; in seguito questi passarono a Carlo Maderno che si occupò invece della sala dei corazzieri e della cappella Paolina. Negli anni successivi anche altri nomi noti dell’architettura lavorarono al Palazzo del Quirinale, come Gian Lorenzo Bernini, al quale fu affidato il disegno della Loggia della Benedizioni, sopra il portale principale d’ingresso.

Oggi è possibile visitare il palazzo del Quirinale prenotando con almeno cinque giorni di anticipo. Si possono scegliere tour più brevi, da circa un’ora e mezzo, e altri più lunghi, circa due ore e mezzo, che comprendono anche i giardini e il museo delle carrozze. Il palazzo è aperto dal martedì alla domenica fatta eccezione per il giovedì, dalle 9.30 alle 16. Per maggiori informazioni e per prenotare la visita ecco il sito ufficiale.