Pubblicato in: Evergreen

Il fiume Tevere, simbolo di Roma

Donatella ErreDonatella Erre 4 settimane fa
tevere

Cosa sarebbe Firenze senza l’Arno? E Bologna senza i suoi portici? O Milano senza i suoi grattacieli? Ecco l’importanza del Tevere per i romani può essere paragonata a questi grandi simboli per le altre città.

Certo una volta era un punto fondamentale per la comunicazione e ha avuto parecchia importanza nella storia romana, ma anche oggi per concludere una giornata frenetica, basta fare una passeggiata sul lungo Tevere per ritrovare la pace.

Il Tevere e la sua storia

Terzo fiume più importante d’Italia, il Tevere fu per i romani elemento di vita e anima della Città Eterna sin dalle sue origini. È impossibile pensare a Roma senza pensare anche al Tevere, sulle sponde dove tutto è iniziato. Fu proprio sulle acque del Tevere che infatti ‘viaggiò’ la cesta di Romolo e Remo.

Ma non solo, il Tevere venne usato sin dai tempi antichi come canale di comunicazione ed è da qui che giunsero i materiali usati per costruire la Roma imperiale. Per molto tempo le sue acque furono porti importanti, fu solo sopo la caduta dell’impero che  le attività di trasporto andarono sempre più riducendosi fino a portare il Tevere a perdere parte della sua importanza storica.

Ma i romani non l’hanno dimenticato e tendono quasi a umanizzare il fiume, basti pensare che in diverse fontane di Roma, si trova una figura imponente, con una lunga barba bianca, appoggiato a un’anfora e attorniato da un remo, una cornucopia e due gemelli allattati da una lupa. Ecco lui è il Tevere in persona.

E anche il cinema apprezza molto la location, dalle numerose pellicole girate, fino alle svariate celebrità che vengono qui per una passeggiata sulle sue sponde.

tevere

L’isola Tiberina

Se vi trovate qui, non dimenticatevi di ammirare il piccolo ‘borgo’ che appoggia su rocce e regala scorci indimenticabili. L’isola Tiberina è lunga poco più di 300 metri ed è collegata dal ponte Cestio e dal ponte Fabricio.

Circondata dalla leggenda delle sue acque miracolose che hanno curato persone malate, ancora oggi ospita l’Ospedale Fatebenefratelli.