Pubblicato in: Festival

Conferenze, spettacoli, mostre, exhibit interattivi e laboratori: il National Geographic Festival delle Scienze a Roma

Anna TatananniAnna Tatananni 3 settimane fa
National Geographic Festival delle Scienze 2019

Da lunedì 8 a domenica 14 aprile, torna a Roma il National Geographic Festival delle Scienze con oltre 200 incontri, 300 attività didattiche, 8 mostre, 7 spettacoli, 10 partner scientifici, 2 Premi Nobel.

Scienziati, filosofi, storici della scienza, giornalisti e artisti esploreranno le prospettive della ricerca più avanzata attraverso un programma articolato e multidisciplinare che, oltre all’Auditorium Parco della Musica, arriva a coinvolgere 47 luoghi tra cui Casa del Jazz, MAXXI, Bioparco, Musei Scientifici, Biblioteche di Roma e i poli universitari romani.

Il tema scelto come filo conduttore di questa XIV edizione è uno dei motori centrali del progresso e della conoscenza: l’invenzione, intesa come creazione e introduzione di un concetto, di un’idea o una tecnologia. Cos’è esattamente un’invenzione? Quali ingredienti e condizioni la favoriscono? Cosa possiamo immaginare e creare e cosa invece potremmo non raggiungere mai?

Interrogativi ai quali risponderanno gli illustri ospiti del Festival, che sarà anche un’occasione per celebrare tre anniversari particolarmente significativi nella storia dell’ingegno umano: i 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, i 150 anni dalla creazione da parte di Dmitrij Mendeleev della Tavola Periodica e il 50° anniversario dell’allunaggio dell’Apollo 11.

All’interno degli spazi dell’Auditorium Parco della Musica, oltre 40 incontri e più di 300 attività didattiche avvicineranno i più giovani al mondo della scienza: dal coding alla robotica, dall’esplorazione dello spazio agli acceleratori di particelle in realtà virtuale, dagli strumenti musicali realizzati con materiali di riciclo alla scoperta dei vulcani. Inoltre, accompagneranno il pubblico 8 mostre dedicate alle invenzioni italiane, all’universo, al rapporto tra scienza e fumetti, alla Terra e all’ambiente.

Si parlerà di missioni spaziali con Carolyn Porco, “rock star del mondo della scienza”, leader dell’Imaging Team per la missione congiunta NASA/ESA/ASI Cassini-Huygens, della moderna tecnologia dei laser con i Premi Nobel per la Fisica Gerard Mourou e Donna Strickland, fino ad arrivare alla critica della lucrativa “industria della felicità” con Edgar Cabanas ed Eva Illouz.

Di una leggendaria invenzione – Frankenstein – discuteranno lo scrittore e giornalista Mark O’Connell e la neuroscienziata cognitiva Agnieszka Wykowska, del ruolo dei cyber compagni nelle esplorazioni spaziali si occuperanno l’ingegnere aeronautico e astronautico Francesco Longo dell’ASI e il responsabile dello Humanoids & Human Centered Mechatronics Lab dell’IIT di Genova Nikolaos Tsagarakis, mentre il Premio Pulitzer per la saggistica Jared Diamond indagherà i rapporti che legano i concetti di invenzione ed evoluzione.

Il tema centrale del Festival sarà messo in relazione con la tecnologia, l’etica e l’intelligenza artificiale, passando per ampie riflessioni sui rapporti con l’imponderabilità del caso, l’intelligenza matematica e le fake-news.

Si parlerà anche di salvaguardia dell’ambiente, dei legami tra invenzioni e scoperte, dei rapporti tra scienza, fantasy e fantascienza e molto altro. La ricerca dell’eco primordiale dell’Universo e la nascita della nuova astronomia “multimessaggera” saranno al centro del dibattito tra ASI, INAF, INFN, insieme a tematiche scientifiche di attualità.

I prodigi della mente e le sue creazioni saranno il punto di partenza sia per i numerosi appuntamenti del programma principale sia per gli spettacoli e le mostre, con un programma che esplora le dimensioni della scienza e delle arti. Si affiancheranno inoltre gli appuntamenti riservati ai ragazzi con exhibit interattivi, installazioni e laboratori che trasformeranno l’Auditorium per una settimana in una vera e propria città della scienza e dell’ingegno.

Eventi Off

Eureka! – Il Progetto Biblioteche

30 biblioteche e 18 Bibliopoint distribuiti in 15 municipi di Roma partecipano al National Geographic Festival delle Scienze con “Il bello della scienza a portata di mano”, l’iniziativa, realizzata da Biblioteche di Roma con la collaborazione di National Geographic, Agenzia Spaziale Italiana, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e il sostegno di Poste Italiane.

Il Festival al Bioparco

Al Bioparco di Roma bambini e famiglie andranno alla scoperta delle tante invenzioni di uso quotidiano che provengono dal mondo di piante, animali e microrganismi grazie alle attività e ai laboratori interattivi.

Il Festival al MAXXI

Il Festival entrerà al MAXXI con due proiezioni: “Galileo” a cura di CNR, seguita dal dialogo tra la regista Liliana Cavani e Daniele Archibugi e “The Most Unknown” a cura dell’INFN, docu-film che visita alcuni tra i più straordinari luoghi della scienza in giro per il mondo, in compagnia di una staffetta di nove scienziati che si passano l’un l’altro il testimone.

Il Festival al Centro di Divulgazione dell’ESA-ESRIN

Il Festival invita a scoprire Φ Experience, il nuovo centro di divulgazione dell’ESA-ESRIN per quanto riguarda l’Osservazione della Terra.

Il Festival al Teatro Argentina e al Teatro Valle

Il Festival sarà al Teatro Argentina e al Teatro Valle con il ciclo di letture “Invenzione e Letteratura”. Testi da Primo Levi e Paolo Volponi, letti da Federica Cassini con gli attori della Scuola di Teatro e Perfezionamento Professionale del Teatro di Roma.

Il Festival alla Casa Del Jazz

Alla Casa del Jazz l’invenzione della registrazione sonora, dalle origini ad oggi, con Francesco Giannattasio docente di Etnomusicologia presso Università La Sapienza, Simone Tarsitani, Music Technical Specialist presso Durham University, il produttore Pasquale Minieri e i musicisti Giovanni Tommaso e Gerardo Casiello. Ospite speciale Rita Marcotulli.

Il Festival al Polo Museale Sapienza

In occasione del centenario della nascita di Primo Levi al museo di chimica di Sapienza Università di Roma si terrà una giornata dedicata al chimico e scrittore al quale il museo è intitolato. Sono previste brevi conferenze, videoproiezioni e approfondimenti su quanto la scienza ed in particolare la chimica abbia influenzato la sua vita, sia durante gli anni della formazione universitaria sia quelli di prigionia ad Auschwitz e gli anni successivi fino alla sua morte.

National Geographic Festival delle Scienze: programma e informazioni utili

Dove: Auditorium Parco della Musica– Viale Pietro de Coubertin, Roma

Date e orari: da lunedì 8 a domenica 14 aprile 2019, gli orari di apertura degli spazi espositivi e la programmazione di tutti gli eventi sono consultabili in dettaglio sul sito ufficiale.

Biglietti: gli eventi sono a pagamento al costo di 5,00 euro (salvo diverse indicazioni)

Per tutte le mostre in corso a Roma non perdete il nostro #spiegonemostre

Etichette: