Pubblicato in: Festival

Danza, musica e teatro nel segno dell’inclusione a Ostia Antica Festival

Alessio Cappuccio 2 settimane fa
ostia antica festival 2019 programma
Foto: Clarissa Lapolla

Musica, danza e teatro: sono questi i tre ambiti elettivi della quarta edizione della rassegna “Il Mito e il Sogno” che si tiene al Parco Archeologico di Ostia Antica a partire dal 22 giugno. Torna infatti Ostia Antica Festival, organizzato dal consorzio di imprese “Antico Teatro Romano”.

Il programma di quest’anno vede un incremento delle serate di recitazione, accanto a quelle della musica: Brecht interpretato da Monica Guerritore, i Carmina Burana, Edoardo Leo e Luca Argentero, i Kraftwerk e le canzoni di Mogol e Battisti, il Mercante di Venezia e Nerone vs Petronio, con la cena segreta del Satyricon, sono solo alcuni degli appuntamenti.

Il cartellone racconta temi come l’inclusione e il dialogo con tutti i popoli affacciati sul Mediterraneo, l’esercizio della tolleranza culturale, che coinvolse in tempi antichi africani e iberici, arabi e galli nell’operare a fianco dei romani.

Anticipato dai due progetti speciali, la Turandot (8/9 giugno) di Europa Incanto, e il compleanno dei 60 anni del Cornetto Algida (16 giugno), il festival si concluderà il 4 agosto per poi riprendere il 14 settembre con un evento speciale che verrà presto annunciato. Tanti i concerti, inseriti nel cartellone di Rock in Roma, cui rimandiamo.

L’apertura è affidata a Luca Argentero con lo spettacolo È questa la vita che sognavo da bambino? Le storie di grandi personaggi dalle vite straordinarie che hanno inciso profondamente nella società, nella storia e nella loro disciplina, raccontati sia dal punto di vista umano che sociale, con una particolare attenzione al racconto dei tempi in cui hanno vissuto.

Il teatro geniale dei Leoni d’Oro Antonio Rezza e Flavia Mastrella va in scena il 29 giugno. 7 14 21 28 è uno degli spettacoli di maggior successo degli ultimi anni. Uno spettacolo dissacrante, struggente, poetico e mai banale.

Il 6 luglio torna la grande danza dell’Heritart Festival, con “Dancing Heritage – A tribute to Diaghilev and Nijinsky”, con la partecipazione dell’attrice Vanessa Gravina, una co-produzione di Daniele Cipriani Entertainment e del Croatian National Theatre di Spalato.

Sabato 13 luglio, uno spettacolo unico: “Emozioni. Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti”. Sul palco Mogol, autore di testi intramontabili racconta Lucio Battisti a vent’anni anni dalla sua morte. Brani memorabili come “Mi ritorni in mente”, “La Collina dei Ciliegi” e “Anima Latina”, verranno eseguite da un’orchestra di 16 elementi e dalla “interpretazione perfetta” della voce di Gianmarco Carroccia tanto intensa e simile a quella del cantautore di Poggio Bustone.

Il 16 luglio Carmina Burana, la raccolta di canti religiosi e profani scoperta nell’abbazia di Benediktbeuern e composti dai chierici girovaghi dal XII al XIII secolo, che Carl Orff con l’aiuto di Michel Hofmann selezionò e organizzò in un libretto, principalmente in latino, ma anche in tedesco medievale e in vecchio provenzale Un’occasione unica in cui l’unione di coro, pianoforti, percussioni e cantanti solisti (cento persone sul palco), tracciano un ponte tra storia e tradizione.

Cantautrice del nuovo pop italiano, icona di stile naturale e versatile, dopo tre album di successo per pubblico e critica e due libri bestseller, Levante salirà sul palco del Teatro romano venerdì 19 luglio per presentare, oltre ai brani della recente discografia,“Andrà Tutto Bene” il nuovo singolo uscito il 5 aprile per Warner Music, e primo passo del suo rinnovato percorso artistico.

In occasione del cinquantesimo anniversario dell’allunaggio la compagnia del Teatro dell’orologio presenta, il 20 luglio, Walking on the moon, uno spettacolo dedicato alla figura dell’astronauta Michael Collins, interpretato da Graziano Piazza. Lo spettacolo scritto da Fabio Morgan e diretto da Leonardo Ferrari Carissimi è una favola contemporanea a tre personaggi in cui mondo digitale, mondo letterario e mondo dei ricordi s’intrecciano in una sinfonia a 9 attori dal sapore magico, dove si ride, si piange e si sogna.

A circa dieci anni di distanza dalla pubblicazione del suo ultimo album di inediti, la cantautrice canadese Loreena McKennitt torna con un nuovo disco, Lost Souls (Quinlan Road, 2018) e un lungo tour europeo. Giovedì 25 luglio la cantautrice di origini irlandesi e scozzesi fa tappa a Ostia antica accompagnata dai musicisti Brian Hughes (chitarra, oud e bouzouki celtico), Caroline Lavelle (violoncello), Hugh Marsh (violino), Dudley Philips (contrabasso) e Robert Brian (batteria).

Il 26 luglio, “Ti racconto una storia” letture semiserie e tragicomiche un reading-spettacolo che raccoglie appunti, suggestioni, letture e pensieri che l’attore e regista romano Edoardo Leo ha raccolto dall’inizio della sua carriera ad oggi. È uno spettacolo che fa sorridere e riflettere, che racconta spaccati di vita umana unendo parole e musica. Una riflessione su comicità e poesia per spiegare che, in fondo, non sono così lontane.

Il 28 luglio gli dei scenderanno dall’Olimpo sul palco di Ostia antica per divertire e coinvolgere il pubblico, a danno dell’ignaro Anfitrione con la spudorata beffa che solo una divina perversione può escogitare. La sbrigliata fantasia di Plauto, magistralmente esaltata dal gioco dei doppi, degli equivoci, dello smarrimento di identità, in scena con Franco Oppini, Debora Caprioglio e Barbara Bovoli per la sapiente regia di Livio Galassi.

Chi era in realtà Nerone? Un pazzo sanguinario, che esercitava il suo potere per compiere impunito orrendi misfatti, convinto oltretutto d’essere un grande artista? O la vittima della più grande mistificazione storica, sognatore e megalomane, ma non privo di una sua grandezza? E Petronio, grande scrittore e amico di Nerone, era poi così innocente quando fu costretto a togliersi la vita? E qual è la funzione di un intellettuale, ieri ma anche oggi, al cospetto del Potere? Si scoprirà il 30 luglio assistendo a “Nerone vs Petronio” la cena segreta del satyricon, una commedia storica di Pier Francesco Pingitore con Luca Biagini, Federico Perrotta, Valentina Olla.

Il 31 luglio Monica Guerritore è protagonista e regista (ispirandosi all’edizione di Giorgio Strehler del 1981) di L’anima buona di Sezuan di Bertolt Brecht. Nell’Anima Buona c’è tutta la tenerezza e l’amore per gli esseri umani costretti dalla povertà e dalla sofferenza a divorarsi gli uni con gli altri ma sempre raccontati con lo sguardo tenero e buffo di chi comprende.

Il 2 agosto la ripresa “nova” del “Mercante di Venezia”, un omaggio all’ultimo imperatore del teatro italiano: Giorgio Albertazzi. Nella riduzione elaborata e scritta proprio da Albertazzi, (che ha riempito tutti i teatri per oltre 200 repliche in un anno solare), i temi affrontati sono quelli eternamente cari al Bardo ma anche al compianto mattatore toscano: il conflitto tra generazioni, la bellezza che muore e che si riscatta ad un tempo, la giovinezza che deve fare i conti con le trasformazioni del tempo e della società.

Il 3 agosto Lino Guanciale in “Itaca… il viaggio” con le musiche e la regia di Davide Cavuti. Lo spettacolo propone un viaggio che 
parte da Itaca e attraversa le storie, i luoghi di 
tanti personaggi del teatro e del cinema,
 disegnando uno spazio denso di emozioni e di
 sogni che prendono forma e azione. Un 
viaggio che parte da Itaca e dalla figura di Ulisse,
 che è l’eroe di Omero ma anche di Dante,
 Pascoli, D’Annunzio, Joyce e di altri ancora.

Il 4 agosto Le Parole Note, un singolare incontro tra letteratura e musica. Giancarlo Giannini e la sua recitazione, la sua voce calda e penetrante, accompagnato dalla musica del quartetto di Marco Zurzolo, condurrà gli spettatori in “atmosfere”, mistiche, malinconiche, amorose e ironiche in un viaggio che dal lontanissimo passato arriva ai giorni nostri. Da Angiolieri Shakespeare, Salinas a Pablo Neruda, Garcia Lorca, Marquez. Vari autori e un unico tema: l’amore, la donna, la passione, insomma… la vita!

Ostia Antica Festival 2019: il programma

Pre-apertura

  • 8 e 9 giugno: Europa Incanto (Progetto speciale)
  • 16 giugno: 60 anni del Cornetto Algida (Progetto speciale)

Programma ufficiale

  • 22 giugno: È questa la vita che sognavo da bambino? con Luca Argentero
  • 27 e 28 giugno: Kraftwerk
  • 29 giugno: 7 14 21 28 di Antonio Rezza e Flavia Mastrella
  • 2 luglio: James Blake
  • 6 luglio: Heritart Festival :Dancing Heritage – A tribute to Diaghilev and Nijinsky
  • 9 luglio: Negrita
  • 11 luglio: Neurosis
  • 12 luglio: Marlene Kuntz
  • 13 luglio: Emozioni. Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti con Mogol & Gianmarco Carroccia
  • 16 luglio: Carmina Burana di Carl Orff
  • 19 luglio: Levante
  • 20 luglio: Walking on the moon di e con la Compagnia del Teatro dell’Orologio
  • 25 luglio: Loreena McKennitt
  • 26 luglio: Ti racconto una storia di e con Edoardo Leo
  • 27 luglio: Loredana Bertè
  • 28 luglio: Anfitrione con Franco Oppini, Debora Caprioglio e Barbara Bovoli
  • 30 luglio: Nerone vs Petronio con Luca Biagini Federico Perrotta
  • 31 luglio: L’anima buona di Sezuan di e con Monica Guerritore
  • 2 agosto: Mercante di Venezia con Mariano Rigillo e Romina Mondello
  • 3 agosto: Itaca… il viaggio con Lino Guanciale
  • 4 agosto: Le Parole Note con Giancarlo Giannini e Marco Zurzolo Quartet

Chiusura ufficiale: 14 settembre: Progetto speciale (da annunciare)

Per informazioni e biglietti si consiglia di consultare il sito ufficiale e scrivere a info@ostianticateatro.com

Etichette: