Pubblicato in: Teatro

Un nemico del popolo e La doppia incostanza: teatro a Roma a maggio

Lucilla ChiodiLucilla Chiodi 5 giorni fa
teatro roma

Lo #spiegoneteatri di Roma Weekend vi segnala il meglio della programmazione teatrale a Roma: nel corso della stagione saranno molti gli spettacoli da non perdere.

La doppia incostanza

Teatro India, 25 – 27 maggio

Dal 25 al 27 maggio al Teatro India Lorenzo Lavia dirige gli attori della Scuola di Teatro e Perfezionamento Professionale del Teatro di Roma portando in scena La doppia incostanza di Pierre de Marivaux, una produzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale in collaborazione con l’Accademia di Costume e Moda e il Conservatorio di Musica Santa Cecilia.

La doppia incostanza è una commedia di prosa in tre atti scritta da Pierre de Marivaux e presentata sulle scene nel 1723. Considerato in Francia il secondo commediografo canonico dopo Moliére, poco amato in vita dagli intellettuali dell’epoca, che lo etichettarono come costruttore di vicende sentimentali dal linguaggio brillante ma dolciastro, Marivaux fu prima di tutto un pensatore e un osservatore scrupoloso delle relazioni umane.

In questa commedia, come in altre della sua produzione, ciò che emerge è un pensiero dominante, pericoloso e ossessivo, che la rende una macchina implacabile di violenza emotiva, mettendo in scena la manipolazione dei sentimenti, la progettazione razionale dell’affetto, la seduzione come meccanismo di potere che divide e unisce vittime e carnefici.

In La doppia incostanza due giovani di campagna, Silvia e Arlecchino, si amano, ma il principe del luogo si innamora a sua volta della bella contadina e la fa rapire. Silvia rifiuta l’amore del principe, ed è qui che interviene Flaminia, capace di inventare una strategia: Arlecchino e Silvia devono restare prigionieri, ma saranno liberi di vedersi. Il principe in incognito comincia così a corteggiare Silvia discretamente, e Flaminia stessa seduce Arlecchino fino a farlo innamorare. Silvia e Arlecchino cedono infine alle lusinghe dei due spasimanti, realizzando il progetto del principe e di Flaminia.

Ingresso libero

Orari: 25 maggio ore 18; 26 e 27 maggio ore 21

Un nemico del popolo

Teatro Argentina, dal 20 marzo al 28 aprile

Massimo Popolizio si confronta con il grande classico ibseniano. Un testo sulla ricerca della verità, sul consenso popolare e consenso giornalistico. Un’opera ancora pericolosa, fortemente contemporanea, che non strizza l’occhio all’attualità ma ne indaga i meccanismi con sguardo lucido e spietato.

Una nuova sfida per l’attore regista, anche interprete protagonista nel ruolo del dottor Thomas Stockmann, affiancato da Maria Paiato nei panni maschili di Peter Stockmann, fratello del medico e sindaco avvolto nel malaffare. Massimo Popolizio si spinge con questo testo ad indagare i grandi temi e contraddizioni della nostra società: dalla corruzione alla responsabilità etica per l’ambiente, dal ruolo dei media nella creazione di opinioni e consenso ai rapporti tra massa e potere.

L’opera del drammaturgo norvegese assume infatti dalla prospettiva del nostro “oggi” una inedita forza comunicativa: senza ridursi a un mero atto di accusa contro la speculazione, non cessa di raccontare con spietata lungimiranza il rischio che ogni società democratica corre quando chi la guida è corrotto, e la maggioranza soggiace al giogo delle autorità pur di salvaguardare l’interesse personale.

Un conflitto politico e morale contrappone nella vicenda due fratelli: un medico, Thomas Stockmann, che scopre l’inquinamento delle acque termali della sua città, contrapposto al fratello-sindaco, Peter Stockmann, politicamente insabbiatore, che tenta invano di convincerlo che la sua denuncia porrà fine ai sogni collettivi di benessere.

Indirizzo: Largo di Torre Argentina

Orario: martedì e venerdì ore 21, mercoledì e sabato ore 19, giovedì e domenica ore 17; riposo lunedì e 19, 20 e 21 aprile 2019

Biglietti: da 40€ a 13

Etichette: