Pubblicato in: Teatro

The Illusionists: Direct from Broadway: uno spettacolo magnetico. Recensione

Maria Lucia Tangorra 3 settimane fa
The Illusionists roma

Dopo aver registrato il sold out registrato al Teatro Ciak di Milano, The Illusionists: Direct from Broadway è pronto a incantare anche il pubblico romano fino a domenica 3 febbraio. Ancora prima che lo show abbia inizio si intuisce tutto l’apparato tecnico e artistico alla base. La preparazione alla serata comincia all’ingresso, con una busta che viene consegnata allo spettatore con la raccomandazione di non aprirla se non a tempo debito.

Quando le luci si abbassano, partono dei particolari titoli di testa e ogni artista si materializza magicamente sul palco. Tocca al portoghese Luis De Matos, in arte The Master Magician, fare da apripista introducendo la serata e aprendo le danze. Già dal primo numero si resta letteralmente a bocca aperta. Il bello di The Illusionists consiste nell’armonia e nella specificità tra gli otto illusionisti, il tutto a servizio di un grande spettacolo in cui la parola d’ordine è magnetico. Ora con eleganza, ora con vitalità i maghi dell’incanto si passano la palla ed è così che si resta stupefatti dall’eleganza e dalla velocità di movimento di Yu Ho-Jin, a.k.a. The Manipulator, campione del mondo nella manipolazione delle carte.

Quando è di scena la magia, i primi a essere coinvolti sono i più piccoli e anche in The Illusionists è prevista la partecipazione di bambini “pescati” tra gli spettatori. Non fatevi intimorire dalla lingua, arginata dalla presenza della traduzione simultanea, ma verrebbe da dire ancor più perché di fronte ai gesti e a una comunicazione così d’impatto visivo, spesso non servono parole.

Tra le esibizioni dell’inglese James More (The Deceptionist), del francese Enzo (The Unforgettable), del francoamericano Kevin James (The Inventor, teatrale nei modi) e della coppia armeno-russa Sos&Victoria (The Transformationists) si arriva a un momento clou, realizzato da un italiano che vive in Canada, Andrew Basso (The Escapologist). Questo artista è considerato il successore di Harry Houdini, con cui ha intessuto una stretta connessione, dato che propone suo famoso numero ‘Water Torture Cell’, ma senza che la “gabbia acquatica” venga coperta con veli o altro. In questo momento lo spettacolo raggiunge un’elevata tensione ed è impossibile non provare una sensazione di apnea durante quei minuti.

Una nota di merito ulteriore va al disegno luci, ottimo e determinante per calamitare ancor più l’attenzione sulle abilità illusionistiche di questi uomini dai “poteri sovrannaturali”. Volutamente non abbiamo descritto ogni esibizione nei minimi dettagli anche per permettervi di gustare appieno ciò che si paleserà davanti ai vostri occhi increduli.

Riassumendo

The Illusionists: Direct from Broadway, fino al 3 febbraio 2019

Palazzo dello Sport

ORARI: giovedì e venerdì h 21; sabato h 17 e h 21; domenica h 17

PREZZI: da 40,25€ a 172,50 acquistabili sul circuito ticketone

Etichette: