Pubblicato in: Mostre

Da E.T. a King Kong passando per Pinocchio: l’arte di Carlo Rambaldi in mostra a Roma

Lucilla ChiodiLucilla Chiodi 2 settimane fa
la meccanica dei mostri palazzo delle esposizioni

C’è tempo fino al 6 gennaio 2020 per visitare, al Palazzo delle Esposizioni, la mostra La meccanica dei mostri – da Carlo Rambaldi a Makinarium, retrospettiva che per la prima volta i riflettori sul mirabile lavoro di uno dei più grandi effettuati italiani: Carlo Rambaldi. Sue sono infatti alcune tra le creature cinematografiche più iconiche mai realizzate, da E.T. ad Alien, passando per King Kong e Pinocchio.

Rambaldi, infatti, più di altri si è distinto negli anni per la sua abilità straordinaria nel creare effetti speciali, un talento che gli è valso anche ben 3 premi Oscar nel corso della sua lunghissima carriera.

Un effettista, certo, ma Rambaldi era, prima di tutto, un artista. La sua passione nasce quando a soli 10 anni assiste alla proiezione di King Kong (1933). Osservando l’animazione del gorilla realizzata da Willis ÒBrien con la tecnica dello stop motion, ne rimane folgorato. E lì che Rambaldi decide di dedicarsi anima e corpo alla costruzione di ingranaggi e meccanismi che diano vita a dei personaggi in grado di interagire fisicamente con attori in carne e ossa.

Ad aiutarlo, in questo, c’è anche un’innata passione per la meccanica, sviluppata nell’officina paterna riparando moto e biciclette.

Da lì in poi il suo percorso lo porterà a costruire con sempre maggiore perizia modelli meccanici, marionette, fino a quando non decide di trasferirsi a Roma e lavorare a Cinecittà.

Celebri le sue collaborazioni, che lo hanno visto lavorare per i più grandi registi italiani. Da Marco Ferreri a Dario Argento, da Luchino Visconti a Marco Ferreri, passando per Amadio, Lattuada e altri. La sua carriera subito poi una svolta quando sarà chiamato a Los Angeles per lavorare a remake di King Kong diretto da Merian C. Cooper ed Ernest B. Shoedsack.

Da lì in poi cresceranno le sue collaborazioni oltreoceano, con lavori entrati a far parte per sempre nella storia del cinema. Qui lavorerà con registi del calibro di Steven Spielberg, Ridley Scott, Oliver Stone, Andrzej Zulawki, David Linch e molti altri.

La mostra è stata curata da Claudio Libero Pisano e si snoda attraverso le tre sale del secondo piano del Palazzo delle Esposizioni. Una retrospettiva ampia e allestita in maniera davvero suggestiva, che racchiude un totale di oltre cento opere selezionate a partire dalle fasi iniziali della carriera di Rambaldi fino ad arrivare ai lavori più celebri.

Ecco quindi sfilare davanti agli occhi dei visitatori disegni, modellini e ricostruzioni dei suoi più celebri personaggi, ma anche veri e propri cimeli. In mostra segnaliamo il sinistro bambolotto di Profondo Rosso (1975), la mano – lunga circa sette metri – di King Kong (1976), la stessa utilizzata per le riprese ravvicinate con Jessica Lange, nel film del 1976. E ancora, il burattino del Pinocchio di Comencini del 1971 e per finire la scultura di E.T. con la quale vinse l’Oscar nel 1983.

Ma non solo Rambaldi. La mostra La Meccanica dei Mostri dedica un approfondimento anche al gruppo Makinarium, la factory italiana specializzata negli effetti speciali, già coinvolta in prestigiose produzioni cinematografiche, tra le quali spicca Il racconto dei racconti di Matteo Garrone.

Anche qui, in mostra, il visitatore potrà apprezzare una grandissima varietà di oggetti di scena, tra cui la pecora realizzata per l’incipit di Loro di Paolo Sorrentino e materiali di Recycling Man, il proof of concept ideato e diretto da Carlo Ballauri.

Una mostra da non perdere per tutti gli amanti del cinema, ma soprattutto per chi è sempre stato affascinato dalla magia senza tempo degli effetti speciali.

La meccanica dei mostri a Palazzo delle Esposizioni: orari e biglietti

dal 22 ottobre al 6 gennaio 202, Via Nazionale 194

Orari:

  • domenica, martedì, mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 20.00
  • venerdì e sabato dalle 10.00 alle 22.30

Biglietti (validi anche per Sublimi anatomie e Tecniche d’evasione):

  • Intero € 12,50
  • Ridotto € 10,00
  • Ragazzi dai 7 ai 18 anni € 6,00
  • Ingresso gratuito per i bambini fino a 6 anni
  • Biglietto Open € 16,00

Scopri tutte le mostre in corso a Roma con il nostro #spiegonemostre

Etichette: